FEVOSS Verona Santa Toscana ODV
0.00% Raised
0,00 € donated of 30.000,00 € goal
0 Donors

IL PROGETTO

Il Progetto “Convivio Santa Toscana” nasce in via sperimentale nel 2012 con l’obiettivo di dare conforto, materiale e relazionale, a persone in stato di disagio sia per carenti condizioni economiche, sia per situazioni sociali precarie. Si è iniziato così a fornire pasti alle persone sole del quartiere e agli ultimissimi. L’esperienza è stata gestita dai Volontari Fevoss, impegnati sia nella preparazione dei pasti e dei servizi di sala, sia nel coinvolgimento attivo nella socializzazione attraverso le attività gestite nel Centro Santa Toscana.

Dal 2014, grazie anche a contributi di Enti locali l’attività si è consolidata fino a Marzo 2020.

Attualmente, e con molte difficoltà, la gestione del Convivio è a carico dell’Associazione che gestisce sia la cucina che la sala capiente di 100 posti e in grado di offrire in media 70 pasti giornalieri per cinque giorni la settimana.

Con la pandemia i Volontari svolgono anche il servizio di distanziamento in strada, l’entrata scaglionata, la misurazione della temperatura, l’igienizzazione delle mani e dei posti occupati. Questo servizio diventa anche un momento educativo con la condivisione del valore delle ordinanze, molto spesso calmando l’esasperazione provocata dall’isolamento, dalla preoccupazione, dalla solitudine nelle strade e nei quartieri deserti.

In sede,  in particolare per il Convivio., il servizio viene svolto anche da persone in “giustizia riparativa”, sviluppando collaborazioni con diversi Enti (Servizi sociali del Comune di Verona, UEPE, Casa Circondariale).

Il progetto fornisce un servizio a persone in difficoltà ed offre contestualmente opportunità di rendersi utili a persone che devono riprendere in mano la loro vita, ma ha bisogno del sostegno di tutti per continuare a mantenere e se possibile ad ampliare il “Convivio Santa Toscana”, affrontando tutte le spese inerenti al “preparare un pasto”, quindi non solo l’acquisto dell’alimento stesso, ma anche il vettovagliamento, il materiale di consumo, l’igienizzazione, le pulizie e le utenze.

Il contributo di benefattori ed Aziende, dei Volontari, di Enti Locali e Fondazioni è indispensabile.

Condividi